Ministero dello Sviluppo Economico

CERT Nazionale Italia - Computer Emergency Response Team

Vulnerabilità

Vulnerabilità critiche in VMware Workstation e Fusion

remote code execution  VMware   venerdì, 12 gennaio 2018

VMware ha rilasciato un aggiornamento di sicurezza che corregge due vulnerabilità critiche nei prodotti Workstation e Fusion. Se sfruttate con successo, queste vulnerabilità possono consentire ad un attaccante di eseguire codice arbitrario sul sistema sottostante.

Dettagli delle vulnerabilità (in Inglese):

  • [Critical] Use-after-free vulnerability in VMware NAT service (CVE-2017-4949)
  • [Critical] Integer-overflow vulnerability in VMware NAT service (CVE-2017-4950)

Risultano affetti da queste vulnerabilità i seguenti prodotti VMware:

  • Workstation 14.x
  • Workstation 12.x
  • Fusion 10.x
  • Fusion 8.x

È necessario aggiornare i prodotti elencati alle seguenti versioni:

  • Workstation 14.1.1
  • Workstation 12.5.9
  • Fusion 10.1.1
  • Fusion 8.5.10

Si raccomanda di scaricare ed applicare gli aggiornamenti di sicurezza messi a disposizione da VMware il più presto possibile.

Per maggiori informazioni sulle vulnerabilità, sui prodotti affetti e sugli aggiornamenti disponibili è possibile consultare il seguente avviso di sicurezza di VMware (in Inglese):

Notizie correlate

Vulnerabilità 0-day in Microsoft Edge

20 febbraio 2018

È stata resa nota una vulnerabilità zero-day in Microsoft Edge che può causare l'esecuzione di codice arbitrario nel contesto del processo del browser.Leggi tutto

Aggiornamenti contro attacchi Meltdown e Spectre per prodotti VMware Virtual Appliance

9 febbraio 2018

VMware ha rilasciato una serie di aggiornamenti e soluzioni di mitigazione per prodotti VMware Virtual Appliance per contrastare gli attacchi Meltdown e Spectre.Leggi tutto

Aggiornamento di sicurezza Android (febbraio 2018)

7 febbraio 2018

Google ha rilasciato l'aggiornamento di sicurezza di gennaio che risolve svariate vulnerabilità nel sistema operativo Android, le più gravi delle quali potrebbero consentire l'esecuzione di codice da remoto sul dispositivo.Leggi tutto