Ministero dello Sviluppo Economico

CERT Nazionale Italia - Computer Emergency Response Team

Vulnerabilità

Aggiornamento di sicurezza per Google Chrome (6 giugno 2018)

Chrome  Google   giovedì, 7 giugno 2018

Google ha rilasciato un aggiornamento di sicurezza per la versione 67 del suo browser Chrome per Windows, macOS e Linux. L’aggiornamento include 1 fix di sicurezza che risolve una vulnerabilità di gravità elevata (CVE-2018-6148).

La vulnerabilità è legata ad una gestione non corretta di header CSP (Content Security Policy). Gli header CSP consentono agli amministratori di siti Web di aggiungere un ulteriore livello di sicurezza su pagine Web specifiche che permette di controllare le risorse che il browser è autorizzato a caricare. Errori nella gestione di questi header potrebbero consentire ad un attaccante di aggirare le misure di sicurezza del browser ed effettuare attacchi di tipo cross-site scripting, clickjacking (cattura dei clic sfruttando elementi di interfaccia ingannevoli) e iniezione di codice arbitrario sulle pagine affette.

Si raccomanda agli utenti di aggiornare Google Chrome alla versione 67.0.3396.79.

Per maggiori informazioni su questo aggiornamento è possibile consultare la relativa nota di rilascio di Chrome (in Inglese):

Notizie correlate

Aggiornamento di sicurezza per Google Chrome (17 settembre 2018)

18 settembre 2018

Google ha rilasciato un aggiornamento di sicurezza per la versione 69 del suo browser Chrome per Windows, macOS e Linux.Leggi tutto

Aggiornamento di sicurezza per Google Chrome (11 settembre 2018)

12 settembre 2018

Google ha rilasciato un aggiornamento di sicurezza per la versione 69 del suo browser Chrome per Windows, macOS e Linux. L'aggiornamento include due fix di sicurezza che risolvono altrettante vulnerabilità di cui una di gravità elevata.Leggi tutto

Aggiornamento di sicurezza Android (settembre 2018)

5 settembre 2018

Google ha rilasciato l'aggiornamento di sicurezza di settembre che risolve svariate vulnerabilità nel sistema operativo Android, le più gravi delle quali potrebbero consentire l'esecuzione di codice da remoto sul dispositivo.Leggi tutto