Ministero dello Sviluppo Economico

CERT Nazionale Italia - Computer Emergency Response Team

Vulnerabilità

Vulnerabilità multiple di tipo DoS in Samba

denial-of-service  Samba   mercoledì, 28 novembre 2018

Samba è un software libero, sviluppato dal Samba Project e distribuito con licenza GNU General Public License, che implementa servizi di condivisione di file e stampanti a client SMB/CIFS. Samba consente di ottenere interoperabilità tra i sistemi operativi Unix/Linux e desktop macOS e Windows in ambienti Active Directory.

Sono stati rilasciati aggiornamenti di sicurezza che risolvono diverse vulnerabilità in Samba, le più gravi delle quali possono causare condizioni di denial of service.

Dettagli delle vulnerabilità:

  • [Medio] Tutte le versioni di Samba dalla 4.0.0 in poi sono vulnerabili ad una query ricorsiva infinita causata da un loop di record CNAME nel server DNS interno in Samba Active Directory (AD) Domain Controller (DC). Un utente non privilegiato può aggiungere record DNS arbitrari mediante lo strumento ldbadd (CVE-2018-14629)
  • [Medio] Tutte le versioni di Samba dalla 4.3.0 in poi sono affette da una vulnerabilità di tipo double free (doppia liberazione di un’area di memoria) in KDC (Key Distribution Center) in Samba AD DC con autenticazione Kerberos, quando configurato per accettare autenticazione tramite smart card. Un utente con un certificato valido o smart card può causare il crash di KDC (CVE-2018-16841)
  • [Medio] Tutte le versioni di Samba dalla 4.0.0 in poi sono affette da una vulnerabilità di tipo NULL pointer dereference che può provocare il crash del server LDAP in Samba AD DC (CVE-2018-16851)
  • [Medio] Tutte le versioni di Samba dalla 4.9.0 in poi sono affette da una vulnerabilità di tipo NULL pointer dereference che può provocare il crash dei server DNS in Samba AD DC (CVE-2018-16852)
  • [Medio] Tutte le versioni di Samba dalla 4.7.0 in poi sono affette da una vulnerabilità che può causare il crash di KDC in Samba AD DC in configurazione sperimentale con MIT Kerberos (non supportata). Un utente in un dominio Samba AD può causare il crash di MIT KDC mediante la richiesta di un ticket S4U2Self. La versione predefinita di Samba con Heimdal KDC non risulta vulnerabile (CVE-2018-16853)
  • [Medio] Tutte le versioni di Samba dalla 4.9.0 in poi sono affette da una vulnerabilità che rende inefficace il controllo sulle password errate in Samba AD DC quando viene configurato un intervallo di verifica maggiore di 3 minuti, aprendo la strada ad attacchi a forza bruta all’autenticazione (CVE-2018-16857)

Per risolvere queste vulnerabilità è necessario applicare le patch rilasciate dal produttore o aggiornare Samba ad una delle seguenti versioni:

  • Samba 4.7.12
  • Samba 4.8.7
  • Samba 4.9.3

Come soluzione di mitigazione per la vulnerabilità CVE-2018-14629, si suggerisce di configurare Samba AD DC per utilizzare BIND9 come server DNS lanciando il comando  samba_upgradedns --dns-backend=BIND9_DLZ e rimuovendo il servizio ‘dns’ dal file “smb.conf” (ad es.: server services = -dns).

Come soluzione di mitigazione per la vulnerabilità CVE-2018-16841, si suggerisce di disabilitare l’autenticazione Kerberos tramite smart card rimuovendo l’istruzione enable-pkinit = true dal file “krb5.conf”.

Per ulteriori informazioni e tutti i dettagli tecnici si rimanda ai seguenti bollettini di sicurezza di Samba (in Inglese):

Notizie correlate

Aggiornamenti di sicurezza per prodotti Juniper Networks (luglio 2019)

11 luglio 2019

Juniper Networks ha pubblicato una serie di bollettini di sicurezza relativi a vulnerabilità multiple scoperte in svariati prodotti software, tra cui alcune di gravità elevata in Junos OS.Leggi tutto

Aggiornamenti di sicurezza per prodotti VMware

3 luglio 2019

VMware ha rilasciato un avviso di sicurezza relativo a due vulnerabilità nell'implementazione di TCP SACK del kernel Linux che affliggono un gran numero di prodotti.Leggi tutto

Aggiornamenti di sicurezza critici per Magento

2 luglio 2019

Sono stati rilasciati aggiornamenti di sicurezza per la piattaforma di e-commerce Magento che risolvono un totale di 75 vulnerabilità, di cui 9 critiche e altre 10 di gravità elevata.Leggi tutto