Ministero dello Sviluppo Economico

CERT Nazionale Italia - Computer Emergency Response Team

Vulnerabilità

Vulnerabilità critica in VLC media player

denial-of-service  remote code execution  VLC   mercoledì, 24 luglio 2019

È stata recentemente scoperta una vulnerabilità critica (CVE-2019-13615) nel software multi-piattaforma per la riproduzione di contenuti multimediali VideoLAN VLC media player che può consentire l’esecuzione di codice arbitrario.

La vulnerabilità deriva da una condizione di buffer overflow della memoria heap e affligge la versione più recente di VLC per Windows, Linux e UNIX (probabilmente anche macOS). Se sfruttata con successo, questa vulnerabilità può consentire ad un attaccante remoto di eseguire codice arbitrario nel contesto dell’applicazione affetta o, in caso di tentativi falliti di sfruttamento, di causare condizioni di denial of service.

La vulnerabilità è presente nella versione più recente di VLC, 3.0.7.1, e probabilmente anche in versioni precedenti.

Al momento non è ancora disponibile un aggiornamento dell’applicazione che risolve questa criticità, anche se il produttore VideoLAN è già al lavoro su una patch di sicurezza che dovrebbe essere resa disponibile a breve.

Per maggiori informazioni su questa vulnerabilità e sugli aggiornamenti disponibili si consiglia di consultare le seguenti fonti esterne (in Inglese):

Notizie correlate

Aggiornamenti di sicurezza critici per Magento

14 ottobre 2019

Sono stati rilasciati aggiornamenti di sicurezza per la piattaforma di e-commerce Magento che risolvono un totale di 53 vulnerabilità, di cui 12 critiche e altre 12 di gravità elevata.Leggi tutto

Aggiornamenti di sicurezza per prodotti Juniper Networks (ottobre 2019)

11 ottobre 2019

Juniper Networks ha pubblicato una serie di bollettini di sicurezza relativi a vulnerabilità multiple scoperte in svariati prodotti software, tra cui alcune di gravità elevata in Junos OS.Leggi tutto

Gravi vulnerabilità in vBulletin 5.5.x

10 ottobre 2019

Sono state scoperte tre diverse vulnerabilità in vBulletin, la più grave delle quali potrebbe essere sfruttata da un attaccante remoto per eseguire codice arbitrario sui server affetti.Leggi tutto