Ministero dello Sviluppo Economico

CERT Nazionale Italia - Computer Emergency Response Team

Vulnerabilità

Vulnerabilità di tipo DoS in ISC Bind 9

BIND  denial-of-service   venerdì, 22 novembre 2019

BIND è un software open source sviluppato da ISC (Internet Systems Consortium) che implementa i protocolli DNS di Internet. BIND è molto diffuso in particolare sui sistemi basati su Unix e su Linux, per i quali è considerato il server DNS di riferimento.

È stata riscontrata una vulnerabilità di media gravità di tipo memory leak (fuoriuscita di memoria) in ISC BIND 9 (CVE-2019-6477). La vulnerabilità è legata alla funzionalità TCPpipelining del server, che consente ad un client TCP di inviare un gran numero di richieste DNS su una singola connessione, aggirando i limiti imposti ai client. Questa circostanza può essere sfruttata da un client malevolo per causare un consumo anomalo di risorse del server, con conseguente degrado delle prestazioni o blocco del servizio (condizione di denial of service).

Risultano affette da questa vulnerabilità le seguenti versioni di ISC BIND:

  • BIND dalla versione 9.11.6-P1 alla 9.11.12
  • BIND dalla versione 9.12.4-P1 alla 9.12.4-P2
  • BIND dalla versione 9.14.1 alla 9.14.7
  • BIND dalla versione 9.11.5-S6 alla 9.11.12-S1 (Supported Preview Edition)
  • BIND versione 9.15.0 e 9.15.5 (development branch)

È necessario aggiornare BIND ad una delle seguenti versioni:

  • BIND 9.11.13
  • BIND 9.14.8
  • BIND 9.15.6
  • BIND 9.11.13-S1

In alternativa, è possibile mitigare la vulnerabilità disabilitando la funzionalità TCP-pipelining del server.

Al momento non ci sono notizie che questa vulnerabilità sia state sfruttate in attacchi reali.

Per maggiori informazioni sulla vulnerabilità, sui prodotti affetti e sugli aggiornamenti disponibili e sulla soluzione di mitigazione si consiglia di consultare il seguente avviso di sicurezza di ISC (in Inglese):

Notizie correlate

Vulnerabilità multiple in Samba

22 gennaio 2020

Sono stati rilasciati aggiornamenti di sicurezza che risolvono tre vulnerabilità di media gravità in Samba, la più grave delle quali può causare condizioni di denial of service.Leggi tutto

Aggiornamenti di sicurezza per prodotti Juniper Networks (gennaio 2020)

10 gennaio 2020

Juniper Networks ha pubblicato una serie di bollettini di sicurezza relativi a vulnerabilità multiple scoperte in svariati prodotti software, tra cui alcune di gravità elevata in Junos OS.Leggi tutto

Aggiornamento di sicurezza Android (gennaio 2020)

7 gennaio 2020

Google ha rilasciato l'aggiornamento di sicurezza di gennaio che risolve svariate vulnerabilità nel sistema operativo Android, le più gravi delle quali potrebbero consentire l'esecuzione di codice da remoto sul dispositivo.Leggi tutto